//
you're reading...
Società

Lettera ad un avvocato sulla triste conoscenza fatta di una famiglia borghese


Famiglia borgheseSì, avvocato, lei mi parla così della provincia perché non li conosce. Lei non sa mica come è fatta questa gente qua. Lo vede quello là, sì quello col testone, lui che a quest’ora qua non sa già più il suo nome, un nome rispettato: la casa sulla piazza, mai che abbia lavorato, arriva qui ogni sera e inchioda il suo sedere davanti a un tavolino e affoga nel barbera. Poi quando vien mattino te lo ritrovi dove? Ma in chiesa sissignore, dritto come una scopa, con l’occhio d’affogato va far la comunione per smaltire il vino. Mi creda avvocato che quel verme lì non pensa mica sa? No! Prega!

E poi c’è il fratellino, un “temperapennini”, ragioniere al catasto, incassa bustarelle, distribuisce inchini, peggio d’un dente guasto, pensi che s’è sposato con una mezza gobba solo perché ha la dote, ma non gli basta mai. Col suo bel cappellino, col suo bel cappottino, col suo bel “seicentino” fa pure lo strozzino! Non manca una funzione, deve tenere d’occhio sessanta debitori che lui tiene in ginocchio. Mi creda avvocato che quel fetente là non prega mica sa? Frega!

E poi ci sono gli altri, la madre sempre muta che macina golfini e il padre possidente che è morto scivolando sul pavimento a cera. Da una cornice nera come da una finestra osserva tutto il gregge che mangia la minestra e senti fare ‘chhiù-chhiù’, e senti fare ‘chhiù-chhiù’. E poi c’è la bisnonna che trema ma non muore, le contano le ore e invocano il momento di chiudere la bara e aprire il testamento. Mi creda avvocato ai funerali di quella gente lì mica si canta sa? No, ah, ah, no! Si conta!

E poi, e poi, e poi c’è Margherita che è bella come il sole e lei non ha idea del bene che mi vuole, se ne ama addirittura una casa nostra, è piena di finestre e quasi niente mura e dentro solo noi a ridere di gioia, la cosa è già sicura, solo che c’è una noia: la sua famiglia è contro, la sua famiglia è contro.

borghesiaCe l’hanno su con me, mi danno del pezzente, mi danno del barbone, e già per quella gente è meglio un delinquente ma con la posizione, e anche se la figlia sembra differente è nata ed è cresciuta in quel ambiente.

Da un mese a questa parte la tengono al guinzaglio e quando ci incontriamo gli occhi di lei mi fissano e sembra che mi dica che un giorno fuggirà, che mi raggiungerà e allora in quel momento, allora io le credo avvocato ma solo in quel momento, perché da quelle case là nessuno scappa mai! Ha capito avvocato? Da lì non si va via! Oh come è tardi! Mi scusi, io torno a casa mia…

Informazioni su Eugenio

Parole e idee possono cambiare il mondo

Discussione

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Io se fossi Dio « Scripta Manent - 17 gennaio 2011

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

In passato…

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: