//
you're reading...
Notizie, Università

Grattachecca, test di ammissione all’università e tanta confusione


La grattachecca è un alimento rinfrescante tipico della città di Roma. È preparato con ghiaccio grattato a neve al quale vengono aggiunti uno o più sciroppi o succhi di frutta. Deriva il suo nome dal verbo grattare e da checca, termine con il quale un tempo si identificava il grosso blocco di ghiaccio utilizzato per refrigerare gli alimenti quando ancora non esistevano i frigoriferi. (Wikipedia)

Ora, che sapere cosa sia di preciso la grattachecca possa essere una cosa importante in una giornata afosa di luglio, mi pare possibile. Certamente utile, ma ad ogni modo non per forza necessario. Dopo tutto esiste la granita, alla menta, magari, che mi è sempre piaciuta e penso sia molto più dissetante di un gelato.

Scherzi a parte, sembra che quest’anno conoscere cosa sia tale rinfresco estivo sia divenuto di vitale (speriamo no) importanza per poter accedere ad una facoltà a numero chiuso dell’ambito dell cosiddette “professioni sanitarie”. La domanda precisa era questa:

“Nei pressi del noto Liceo Tacito di Roma si trova la “grattachecca di Sora Maria”, molto nota tra i giovani romani. Sapresti indicare quali sono i gusti tipici serviti?
1) Menta
2) Limone
3) Amarena
4) Cioccolato”

Come era prevedibile subito i comitati degli studenti universitari hanno fatto causa alla Sapienza di Roma, sede in cui tale quesito è stato sottoposto ai ragazzi in fase di test. Il coro unanime chiede perché sia così fondamentale per un futuro medico sapere gli ingredienti caratteristici di una nota (si fa per dire) bevanda estiva. Repentina la risposta del magnifico (si dice così?) rettore Luigi Frati è stata rilasciata in un’intervista che cito parzialmente:

Luigi Frati

Luigi Frati

Rettore Luigi FratiSiccome la grattachecca è una granita di ghiaccio e anche un coglione sa cos’è, se poi non lo sai vivi fuori dal mondo, non è una domanda sulla grattachecca o sulla Sora Maria, bensì sui sapori della grattachecca, è un’altra cosa”

Giornalista “Perché un fisioterapista dovrebbe sapere che gusti ci sono nella grattachecca?”

L. F. “No deve saper ragionare, che è una cosa diversa”

G. “Che tipo di ragionamento è sotteso a questa domanda?”

L. F. “La garttachecca è una granita fatta di una cosa acquosa, bene, lei su una cosa acquosa cosa può mischiare? Se le mettono cioccolata, nutella e benzina, cosa risponde? Io devo fare un test di logica deduttiva, che è un ragionamento sia del medico sia dell’infermiere perché quando si presenta un malato che mi racconta quattro cose, io devo dedurre cosa ha”

G. “Non hanno abbastanza tempo con i tre anni del corso di laurea, il tirocinio…”

L. F. “Per imparare la cultura, ma non per ragionare: se non sai ragionare non è che in tre anni impari a ragionare. La domanda di logica deduttiva non è correlata con l’argomento medicina perché quello te lo farò dopo quando hai studiato”

G. “Ci sono quesiti sui sillogismi, sulle implicazioni logiche… Ci sono mille quesiti. Perché proprio uno sulla grattachecca? Uno studente può ragionare anche su altre cose”

L. F. “Perché è una cosa semplice, per capire se ragioni. La vita è fatta anche di cose banali, ma magari sulle cose banali l’infermiere o il medico sbaglia gravemente”

A parte il fatto che (eccetto il cioccolato) sia l’amarena, sia il limone, sia la menta possono andare con bevande acquose, voi fra “cioccolata, nutella e benzina” cosa scegliereste da mescolare alla vostra granita? Spero vivamente che il mio medico sappia rispondere con fermezza e lucidità di riflessi. Non vorrei trovarmi dell’aranciata al posto dello sciroppo per la tosse: non mi farebbe punto piacere.

Informazioni su Eugenio

Parole e idee possono cambiare il mondo

Discussione

Un pensiero su “Grattachecca, test di ammissione all’università e tanta confusione

  1. Dopo aver letto questo post la vita mi sorride e pure la notte
    pensa che non sapevo che la granita a Roma si chiamasse grattachecca de qualcosa
    evviva i test di ammissione e la banalità della vita….

    Pubblicato da irisilvi | 17 settembre 2012, 22:47

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

In passato…

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: