//
archives

Filosofia

Questa categoria contiene 13 articoli

Paradoxa 03 Il paradosso del barbiere

Il famoso paradosso del barbiere fu proposto da Bertrand Russell. Se un barbiere espone in vetrina un cartello che enuncia « Rado tutti e soli gli uomini della città che non radono se stessi » chi rade il barbiere? Se egli rade se stesso, allora appartiene agli uomini che radono se stessi. Ma il cartello … Continua a leggere

Paradoxa 02 Il coccodrillo e il bambino – Il paradosso di Don Chisciotte

Il coccodrillo e il bambino I filosofi greci amavano raccontare la storia di un coccodrillo che aveva portato via un bambino alla sua mamma. Coccodrillo: Mangerò il tuo bambino? Rispondimi esattamente e te lo restituirò illeso. Madre: Oh! Oh! Stai per mangiare il mio bambino! Coccodrillo: Mmmm… Che devo fare? Se ti restituisco il bambino … Continua a leggere

Paradoxa – 01 Il paradosso del mentitore

Si dice che Epimenide abbia affermato che « Tutti i Cretesi sono mentitori ». Dato che Epimenide è cretese, ha detto la verità? Epimenide era un leggendario poeta greco, vissuto a Creta nel VI secolo a.C. Secondo una leggenda, avrebbe dormito per 57 anni (analogamente al leggendario Rip Van Winkle). L’enunciato che gli viene attribuito … Continua a leggere

La ricerca umana di Dio – parte 2

D’altra parte, stessa cosa può essere detta per la visione “razionalista” dell’esperienza religiosa. Da secoli, infatti, la cultura europea, ispirata forse eccessivamente dai traguardi scientifici del modello cartesiano e logico-razionale, ha rischiato di presumere di potere, mediante tali modelli, chiarire e definire praticamente ogni cosa, anche ciò che pur essendo numinoso per definizione sfugge a … Continua a leggere

La ricerca umana di Dio – parte 1

Sovente l’uomo deve cercare la verità1, e con più vigore e slancio là dove essa pare smarrita, e le nebbie dogmatiche dell’insipienza sembrano avere il sopravvento sulla ragionevolezza. Proprio quando per storiche congiunture un criterio razionale potrebbe svanire. Ancora di più in questi tempi, dunque. Il bisogno di un criterio di verità è specchio di … Continua a leggere

La divina Rivelazione – parte 2

Nel caso precipuo dell’incontro con Dio, all’uomo viene chiesto totale e libero abbandono, senza che venga mai meno l’attributo dell’intelletto e della volontà in tale adesione al divino manifestarsi. Solo infatti una libera e volontaria presa di responsabilità, unita alla presenza nell’uomo della Grazia di Dio e del sostegno dello Spirito Santo, può condurre ad … Continua a leggere

La divina Rivelazione – parte 1

Dio, agendo per sua amorosa volontà, ha scelto liberamente e in piena sovranità di rivelarsi all’uomo, sua creatura. Tale moto discendente completa e dona senso allo sforzo umano di ricerca dell’Assoluto, rendendo cosa possibile e concreta l’incontro “mediato” fra l’uomo e il suo Creatore. È fondamentale che questa iniziativa non costituisca soltanto una manifestazione di … Continua a leggere

Quid vera et falsa diiudicat?

Sovente l’uomo deve cercare la verità1, e con più vigore e slancio là dove essa sembra smarrita, e le nebbie dogmatiche dell’insipienza sembrano avere il sopravvento sulla ragionevolezza. Proprio quando per storiche congiunture un criterio razionale pare svanire. La classicità aurea ha rilevato per prima (forse anche per ultima) il nesso fra questa e le … Continua a leggere

Il pensiero in breve di Arthur Schopenhauer e Søren Kierkegaard

Arthur Schopenhauer Prendendo nettamente le distanze dalla filosofia hegeliana, fortemente improntata al razionalismo nella concezione della storia, Shopenhauer afferma che il mondo e i processi che lo determinano non sono frutto di logiche dettate dalla ragione, quanto piuttosto dall’agire istintivo e casuale della volontà, la vera causa irrazionale di tutto ciò che ci è dato … Continua a leggere

La peste del 1630 descritta dal Manzoni, le inadempienze di oggi non riferite da nessuno

Già nei primi capitoli dei “Promessi sposi” possiamo rilevare un pomposo moltiplicarsi di formule e decreti, là dove la forza vera delle istituzioni (quella di risolvere prontamente le problematiche sopraggiunte) andava di contro scemando, facendosi vuota, o quanto meno inefficace nell’affrontare le crisi. Basti pensare all’ammucchiarsi turbinoso delle grida in risposta al dilagare delle scelleratezze … Continua a leggere

In passato…